Matthew Alan Mullaney (Missing Person)

Date:
February 1, 2003 (Saturday)

Location:
Borgo degli Albizi, 34r, Firenze FI (Florence), Italy 50122

Situation:
Missing

Matthew Alan Mullaney

Nickname: Matt
Alternative Name: Unknown

Disappearance

Missing from: The Lion’s Fountain, Borgo degli Albizi, 34r, 50122 Firenze FI, Italy
Date Missing: February 1, 2003 (Saturday)
Taken By: Unknown

Circumstances:

Mullaney is originally from Massachusetts, USA and had been an undergraduate student at Fairfield University in Connecticut, USA in the two years preceding. By 2003, it seemed he needed a new direction, so his family motivated him to pursue his real interests – music and art.

The opportunity to spend a semester abroad at the Angel Academy of Art in Florence, Italy seemingly came at the perfect time. He took a leave of absence from Fairfield, and jumped on the trip for a chance to study with some excellent professors and explore this famous home to so many beautiful artists and pieces.

He arrived in Florence on January 11 and started school on January 13. The work wasn’t easy he reported to his family – “a lot of criticism but not much praise” (Link), but it seemed he was still upbeat and enjoying the experience overall. He was making some friends and would sometimes go out to eat pizza with them.

On January 31, he told his roommate he was headed to the Lions Fountain pub, a local Irish bar. He left around 9:00pm (21:00) and arrived alone.

The last known sighting of Mullaney was around 2:30 am on February 1, as he left the pub. He did not appear drunk and was peacefully chatting with others in the bar according to staff. When he left, they were not positive if he was alone or accompanied by some of those he was speaking with.

He was carrying his wallet with him which included AT&T pre-paid international calling cards, his credit card(s), his driver’s license, and health insurance identification.

He was later reported missing by his roommate, and his family was informed on February 3.

Mullaney has not used his calling cards nor his credit cards in the time since, nor has he contacted his family. This is strange, as he had generally kept in frequent contact with family and friends as he described his adventure. He seemed to be enjoying himself and was doing well at the program. He and some other international students were planning a trip to Amsterdam in March.

“Unless he has an American twin walking around in Ireland, it was him.”

Tourists who believe they spotted Mullaney in Westport, Ireland (Link)

Possible Sightings:

  • Italy, February 2-9, 2003 ➜ A taxi driver drove a man resembling Mullaney to Fiesolana, in the middle of the cidty.
  • Italy, February 14, 2003 (Friday) ➜ A pizzeria waitress who worked near Mullaney’s old residence in Campo di Marte saw a man who resembled Mullaney stop by the shop to get pizzas accompanied by a male and two females.
  • Italy, February 17, 2003 ➜ A witness saw a man resembling Mullaney in Bologna, Italy at Anzola dell’Emilia. The man appeared in bad health, thin and ragged with a beard. He rejected the offer of coffee (the family reports Mullaney also dislikes coffee). He said he was from Holland, but he asked them to speak English when first approached.
  • UK, April 5, 2003 ➜ Train from Dover to London. A Dutch citizen spoke with a man resembling Mullaney who discussed his plans of spending a brief time in Londong before heading to Dublin, Ireland to find a job. The witness apparently confirmed it was Mullaney from a video police had of him. The family believes this was Mullaney, suggesting he left voluntarily.
  • Ireland, July 23, 2003 ➜ Ferry and Bus from Holyhead, Wales to Dublin, Ireland. Female witness saw a man resembling Mullaney who appeared uncomfortable when it was declared that all persons would be checked by immigration upon docking. It is not clear whether anyone was flagged by Immigration Officials at that time. The woman noticed posters of Mullaney upon dismounting the bus and contacted police. After reviewing photos and a video of Mullaney she confirmed it was him.
  • Ireland, January 3, 2004 ➜ Three Scottish citizens saw a man resembling Mullaney in Galway who asked them for directions to a hostel.
  • Ireland, January 3, 2004 Two witnesses in Westport encountered an American man who asked them to take his picture. They recognized Mullaney from a photo in the newspaper that same day and contacted police. They also confirmed it was him after viewing his pictures and video.
  • Ireland, April 26, 2004➜ Bartender at the Leinster Arms Pub saw a man resembling Mullaney speaking with a couple of women. She is not entirely positive, but believes it might have been him.
  • Ireland, July 2, 2005 ➜ Two witnesses reportedly visited with a man resembling Mullaney in Kinsale, Co. Cork at Oscar Madison’s pub. The man called himself ‘Matt from Massachusetts’ and claimed to be writing a book on his European trips (Link).

*It may not be worth mentioning, but it is possible he met someone at the Irish pub who talked up life in Ireland.

Matt has never contact his family, but they have continued to look for him over the years. They believe he may have likely been in Ireland, and his sister Meg even went to school in Dublin. However, nothing has turned up and he still remains missing.

“He knows how much he is loved. Our hope is that one day he’ll remember that and contact us. Or we’ll find him and get to remind him ourselves.”

Terri Mullaney (mother) – Link

Key Descriptors

  • Date of Birth: November 5, 1981
  • Age at Disappearance: 21
  • Ethnicity: Caucasian
  • Nationality: American
  • Gender at Birth: Male
  • Hair: Brunette
  • Eye Color: Blue
  • Height: 5’10” (177.8 cm)
  • Weight: 175 lbs (79.3 kg)

Distinguishing Marks or Factors

  • Pierced Ears
  • Surgical Scar and Pins in his left ankle
  • Large tattoo of a shamrock with flames in middle of back

Clothing

  • Navy Blue Sweatshirt with Zippered Collar
  • Blue Jeans
  • Tan-Brown Suede Shoes from Wallabee (similar in style to the ones shown below)
Tan or brown swede shoes from Wallabee

If You or Anyone You Know Has Information About The Disappearances, Please Contact:

  • The FBI at (855) 835-5319 or online.
  • Dutch National Police (31) 343-57-8844
  • Amsterdam Police (31) 20-559-2321
  • Dublin Gardai (11) 353-1666-2615
Matthew Alan Mullaney Missing Person Poster

Resources

  • Matthew Mullaney (Link)
  • Irish Echo (2011) ‘Mass. family’s search for son still futile’, 16 February (Link)
  • Chil Ha Visto (2003) ‘MATTHEW MULLANEY’ (Link)
  • Rizzuto, R. (2019) ‘Massachusetts mother renews plea for help finding missing son Matt Mullaney’, 25 March. Link
  • Kelleher, O. (2011) ‘Boston mother issues appeal as son missing since 2003 spotted in Ireland’, Irish Times, 28 December. Link
  • Missing Irish People. ‘Matthew Mullaney (USA)’. Link

Podcasts

Italian Posting: Written by Chil Ha Visto

Matthew Mullaney è un giovane americano scomparso da Firenze il 31 gennaio scorso. Frequentava una scuola d’arte ed è sparito in piena notte senza più dare sue notizie. Il padre, venuto da Boston per cercare di capire cosa possa essere accaduto, una volta entrato nella sua stanza ha trovato il passaporto e tutto in ordine. Mullaney era arrivato a Firenze il 5 gennaio e divideva un appartamento nella zona dello stadio comunale con una coetanea che frequentava la sua stessa accademia e che ha raccontato: “Mi diceva sempre di essere entusiasta di questa scuola. Qualche volta usciva a mangiare una pizza con altri studenti americani come lui. Il giorno della sua scomparsa l’ho incontrato a casa alle 9 di sera. Mi ha detto che stava per uscire per andare in centro. Da allora non l’ho più visto”. Questa informazione è stata confermata da una cameriera di un pub del centro che lo ha visto seduto al banco per tutta la sera. Era entrato da solo e da solo sarebbe uscito, verso le due e trenta, anche se durante la permanenza nel locale avrebbe parlato con altri ragazzi.

“Matthew aveva inviato una email a me e a mia moglie il pomeriggio della sua scomparsa. Diceva semplicemente quanto gli piaceva stare qui a Firenze, che lo studio era molto impegnativo ma che quel venerdì aveva deciso di svagarsi un po’, visto che tutte le sere della settimana restava in casa a studiare e andava a letto alle 10 di sera. Non c’era il minimo accenno a nessun problema. Prima di venire a Firenze sono stato ad Amsterdam perché mi sono ricordato che lui qualche volta mi aveva accennato al suo desiderio di visitare quella città. Là sono andato al consolato americano e poi dalla Polizia olandese”, ha raccontato il padre.

Matthew Mullaney non aveva nessun motivo per andarsene volontariamente. Non si era mai allontanato senza avvertire i genitori, che ora sono particolarmente preoccupati anche per l’assenza di movimenti sul suo conto.

AGGIORNAMENTO
(puntata del 24 febbraio 2003)

Un presunto Matthew Mullaney è stato segnalato in luoghi diversi. Ad Anzola dell’Emilia (Bologna) uno spettatore ha raccontato di averlo incontrato: “Lunedì 17 febbraio alle 8.30 è arrivata una mia conoscente. Ha fatto un urlo e ha detto – Guarda uno a terra lì, che sembra morto. Era tutto ranicchiato. Gli sono andato vicino, con lei, e l’ho chiamato un paio di volte. Dopo un po’ si è voltato, però non rispondeva, allora ho avuto dei dubbi. Gli ho detto – Italiano? E lui ha risposto – No, English. Allora la mia conoscente, che sa parlare un po’ inglese ha parlato con lui”. Gli hanno offerto una tazza di caffè, ma il ragazzo avrebbe risposto che non ne beveva. Lo sconosciuto ha invece accettato una minestra calda, consumata molto rapidamente, con una gran fretta di andarsene, come ha raccontato la ragazza che gliel’ha preparata: “Ha parlato pochissimo. Mi ha detto che veniva dall’Olanda. Non ha voluto neanche un secondo piatto, praticamente è scappato via. Si sentiva in imbarazzo. Sembrava confuso. Però dopo che ha mangiato l’ho visto meglio. Direi che è più magro, ha i capelli più lunghi, non di tanto, e la barba abbastanza incolta con i baffi”. Lo hanno visto andarsene a piedi sulla via Emilia, in direzione di Bologna. A proposito di questa segnalazione, Steven F. Harper, console degli Stati Uniti a Firenze, ha detto: “Ho parlato con la famiglia e mi hanno detto che in effetti lui non prende caffè. Inoltre non è impossibile girare in Europa senza passaporto, si può fare”.

Una seconda segnalazione è giunta da Firenze. Una signora che lavora in una pizzeria che si trova nella zona di Campo di Marte, poco lontano dalla casa in cui viveva Matthew Mullaney, è sembrata molto sicura di averlo riconosciuto: “Venerdì scorso, circa una settimana fa, è venuto a prendere delle pizze. Era in compagnia di un ragazzo e di due ragazze”. Un tassista fiorentino, pur non ricordando esattamente il giorno, ha detto di aver preso a bordo un ragazzo molto somigliante a Mullaney una sera nella settimana tra il 2 e il 9 febbraio, davanti ad un locale. Sarebbe salito in via Fiesolana, nel centro di Firenze.

Non viene scartata l’eventualità di una disgrazia. Si teme che la notte del 31 gennaio scorso Matthew Mullaney possa essere caduto nell’Arno, anche se la cameriera del pub ricordava che il ragazzo non era affatto ubriaco.

AGGIORNAMENTO
(puntata del 10 marzo 2003)

Il padre di Matthew Mullaney ha verificato che potrebbe essere attendibile la segnalazione arrivata da Firenze, dove il ragazzo sarebbe stato visto in una pizzeria. Il signor Mullaney, durante la trasmissione del 10 marzo ha commentato: “E’ un comportamento molto strano da parte sua, non lo ha mai fatto e non abbiamo nessuna ragione per capire un comportamento di questo tipo, se lui è davvero vivo e si trova in questa regione. Io cerco di essere più realistico possibile e penso che lui sia vivo. La ragione per cui penso che sia vivo è che non è stato trovato nessun corpo”. A questo proposito ha anche aggiunto: “Tutte le autorità, soprattutto la Polizia, pensano che se gli fosse successo qualcosa si sarebbe trovato il suo corpo. Grazie anche al pubblico di ‘Chi l’ha visto?’, abbiamo avuto diverse segnalazioni da Bologna e da Firenze. Le persone che lo hanno visto pensano che fosse proprio lui… Forse si è collegato con un nuovo gruppo di amici che lo stanno aiutando, oppure chiede l’elemosina per strada. Tutto è possibile. Sappiamo solo che finora non ha utilizzato le sue carte di credito, il suo conto bancario”.

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.